LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI - SEZIONE PROVINCIALE DI MILANO

Prevenzione - Stili di vita

Bookmark and Share

Stili di vita

Adottare salutari abitudini di vita aiuta a prevenire il cancro. Si stima infatti che se tutti seguissero alcune semplici regole comportamentali si potrebbe evitare la comparsa di circa un caso di cancro su tre:

  • Non fumare;
  • Alimentarsi in modo corretto e limitare l'uso di alcol;
  • Fare attività fisica;
  • Esporsi al sole gradualmente e con adeguate protezioni;
  • Sottoporsi a regolari controlli di diagnosi precoce.

Smettere di fumare

Voler smettere di fumare vuol dire prendersi cura di sé e quindi prevenire l'insorgenza di diverse patologie oncologiche, respiratorie e cardiovascolari.

È fondamentale non arrendersi al primo tentativo ma riprovarci anche più volte superando qualche difficoltà, tipica dei cambiamenti importanti.

Smettere di fumare significa anche scegliere di riappropriarsi di una libertà "sospesa", della libertà di vivere "senza filtro".

In Italia ci sono circa 7 milioni di ex fumatori che testimoniano che smettere di fumare è possibile e la quota di quanti smettono sta aumentando negli ultimi anni.

Alimentare la salute

Mangiare bene è stipulare una polizza sulla salute, di cui un grosso capitolo è la prevenzione dei tumori.

Chiariamo subito:
non esistono cibi magici antitumorali, nel senso che non si può scientificamente affermare che questo o quell'altro alimento proteggono dai tumori, ma è epidemiologicamente dimostrato che popolazioni o gruppi di persone che seguono un certo tipo di alimentazione si ammalano meno di tumore, così come fra le persone ammalate di tumore una percentuale più alta ha determinate abitudini alimentari sconsigliabili.

Ecco alcuni consigli:

  • mantenete un peso salutare per tutta la vita: individuate una dieta che vi aggrada e seguitela con costanza bilanciando l'apporto calorico con l'attività fisica. È importante fare attenzione al peso perché quantità eccessive di grasso costituiscono un pericolo per la salute in quanto aumentano il rischio di alcuni tipi di cancro oltre che di altre malattie croniche quali cardiopatia coronarica, diabete, ipertensione;
  • consumate almeno 5 porzioni di frutta e verdura di stagione al giorno: frutta e verdura contengono sicuramente fattori protettivi;
  • limitate il consumo di alcol: in eccesso fa ingrassare ed è correlato a certi tumori, (ad esempio quelli del cavo orale e dell'esofago); concedetevi al massimo due bicchieri di vino buono al giorno per l'uomo e uno per la donna;
  • aumentate il consumo di legumi e cereali integrali: dovrebbero essere alla base della nostra alimentazione. Insieme forniscono proteine nobili come quelle contenute nella carne, pesce, latticini e formaggio; contengono preziose fibre e pochi grassi;
  • limitate il consumo di pane e cereali raffinati, dolci, che fanno aumentare velocemente l'insulina nel sangue la quale costituisce un fattore di rischio per certi tumori. Oltretutto il loro consumo eccessivo è fra le cause dell'obesità e del sovrappeso;
  • moderate il consumo di carni rosse e latticini, aumentate quello di pesce, soprattutto azzurro;
  • moderate il consumo di grassi, soprattutto saturi, presenti nelle carni rosse, nei latticini, nei dolci e nei "grassi, olii o margarine vegetali", contenuti in moltissimi prodotti soprattutto da forno.

Clicca qui per scaricare l'opuscolo "Alimentare la Salute".

L'attività fisica

È dimostrato che coloro che svolgono un'attività fisica regolare hanno minori probabilità di sviluppare un tumore rispetto a quanti conducono invece una vita sedentaria.

Muoversi regolarmente consente non solo di mantenere il peso corporeo nella norma, evitando così gli effetti che favoriscono la crescita tumorale quando si è in sovrappeso, ma anche di rendere più resistente il sistema immunitario contrastando così la crescita delle cellule tumorali.

Camminare, andare in bici, salire le scale…
Bastano solo 30 minuti al giorno di attività fisica per mantenersi in salute.

Esposizione al sole

L'esposizione al sole senza adeguate protezioni rischia di creare danni alla pelle sia per l'invecchiamento precoce, ma soprattutto perché favorisce la comparsa di melanomi, i tumori maligni della cute. Ecco alcuni consigli per prendere il sole in sicurezza:

  • Applicare le creme protettive 20-30 minuti prima dell'esposizione, ripetendo più volte l'operazione durante l'esposizione e dopo frequenti bagni e forte sudorazione;
  • Prendere il sole con gradualità;
  • Evitare di esporsi nelle ore più calde, cioè tra le 11 e le 16;
  • Non prolungare troppo l'esposizione ed evitare le scottature, soprattutto nell'infanzia;
  • Non esporre al sole i neonati e prestare molta attenzione verso i bambini sotto i tre anni facendo loro indossare cappellino e maglietta chiari;
  • Proteggere particolarmente i bambini con molti nei;
  • Prestare attenzione alle superfici riflettenti come acqua e neve che aumentano molto il pericolo di eritemi e scottature;
  • Fare attenzione all'abbronzatura in alta quota: l'intensità delle radiazioni aumenta con l'altitudine;
  • Prestare attenzione anche al vento che può trarre in inganno togliendo la sensazione di caldo sulla pelle.

Controlli di diagnosi precoce

Sottoporsi regolarmente a visite ed esami di diagnosi precoce permette di cogliere la malattia nella fase iniziale del suo sviluppo e quindi di intervenire con tempestività. I tumori diagnosticati in fase precoce hanno più probabilità di essere guariti perché la diagnosi anticipata può dare maggiori possibilità di cura.

Scarica qui l'opuscolo "Il miglior esercizio è la prevenzione".