blog_post_38

Un traguardo importante quello che la Campagna Nastro Rosa raggiunge quest’anno: un quarto di secolo di lotta contro il cancro al seno. Il mese di ottobre sarà dedicato ancora una volta alle donne per sensibilizzarle sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce. L’incontro di oggi, 27 settembre a Palazzo Marino dà il via a una serie di iniziative promosse dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori – Lilt Milano sul territorio. Informazione, sport, shopping, mostre in programma durante il mese e l’invito a sottoporsi a visite senologiche gratuite negli Spazi Prevenzione, nelle Università Bicocca, Politecnico e Iulm e sull’Unità Mobile che farà tappa in vari comuni dell’hinterland milanese.

E' stata l'occasione anche per conferire il premio “Lilt for Women Campagna Nastro Rosa 2017”, giunto alla sua terza edizione, alla giornalista Milena Gabanelli per l’impegno in difesa dei diritti civili e sociali attraverso le sue inchieste.

“Non dobbiamo abbassare la guardia – afferma il professor Marco Alloisio, Presidente di Lilt Milano – nella battaglia contro il tumore al seno. Il rapporto Aiom/Airtum ‘I numeri del cancro in Italia 2017’ riporta 50.500 nuovi casi di carcinoma della mammella con un trend di incidenza in leggero aumento (+0,9% per anno). E’ in crescita, e questa è la buona notizia, anche la percentuale di donne che sopravvivono a 5 anni dalla prima diagnosi: si è arrivati all’87% nel 2017 contro l’85,5% del 2016. La diagnosi precoce resta quindi un’arma fondamentale nella lotta per contrastare il cancro al seno e in quest’ottica gli Spazi Prevenzione della Lilt si stanno dotando di macchinari all’avanguardia per garantire alle donne una sempre maggiore accuratezza diagnostica. Nei nostri ambulatori abbiamo installato quest’anno mammografi digitali dotati di Tomosintesi e continueremo nel 2018: si tratta di una metodologia radiologica tridimensionale ad alta definizione con la quale è prodotta un’immagine 3D di elevata qualità, con una netta riduzione della dose di radiazioni”.

L’impegno economico per l’acquisto di queste apparecchiature radio-diagnostiche è molto impegnativo e reso possibile grazie al sostegno delle numerose iniziative di raccolta fondi. Sabato 30 settembre appuntamento con lo “Shopping fa bene alla salute”, che vede MonteNapoleone District schierarsi per il settimo anno consecutivo al fianco della nostra Associazione. Le vie Monte Napoleone, Verri, Sant’Andrea, Santo Spirito, Borgospesso e Bagutta si tingeranno di rosa grazie a installazioni aeree raffiguranti il pink ribbon, shopper e decori su strada: i Brand che aderiscono alla Campagna devolveranno il 10% dell’incasso dell’intera giornata a Lilt Milano.

“Siamo orgogliosi di confermare il nostro sostegno a LILT Milano nel tradizionale appuntamento per la prevenzione del tumore al seno del mese di ottobre” dichiara Guglielmo Miani, Presidente di MonteNapoleone District. “MonteNapoleone District aderisce, per il settimo anno consecutivo, alla Campagna Nastro Rosa sensibilizzando i propri associati in modo che diano il proprio contributo alla raccolta di fondi a sostegno delle attività di diagnosi precoce. Numerose Boutique, nelle sei vie che si tingeranno di rosa per lo shopping solidale, hanno aderito alla Campagna creando un importante connubio che vede ancora una volta la moda schierarsi dalla parte della solidarietà in nome della prevenzione al femminile”.

Numerose le aziende, i comuni, le associazioni che collaboreranno a questo mese rosa della prevenzione, aiutandoci nella realizzazione di molti eventi organizzati a Milano e provincia per radicare sempre di più l’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce.

"Milano, grazie ai suoi saperi, alle sue eccellenze e alla sua tradizione di impegno è e continuerà ad essere la città della ricerca al servizio di una cultura della prevenzione sempre più efficace e diffusa. L’attenzione del territorio ai temi della scienza – afferma Anna Scavuzzo, Vice Sindaco e Assessore all'Educazione e Istruzione del Comune di Milano – si traduce nella consapevolezza di quanto sia necessario renderli un patrimonio di tutti, non solo degli addetti ai lavori, affinché contribuiscano in maniera sostanziale al benessere di ogni cittadino. Un grazie particolare a tutte le donne impegnate in questo sforzo di comunicazione: a loro va riconosciuta una parte importante del merito di una città che risponde sempre molto bene all'impegno di divulgazione scientifica”.

“In tutti questi anni Lilt ha contribuito a diffondere la speranza che dal tumore al seno si può guarire, grazie alla prevenzione e ai corretti stili di vita. La nuova battaglia da combattere ora e insieme è far arrivare questo messaggio a tutte le donne che vivono nella nostra città affinché tutte sappiano a chi rivolgersi per poter fare gli screening gratuiti o con il Servizio Sanitario Nazionale e tutte siano adeguatamente seguite”, dichiara Pierfrancesco Majorino, Assessore alle Politiche sociali, Salute e Diritti del Comune di Milano.